Skip to content

388 Arletta Avenue – Randall Cole [2011]

30 novembre 2011

.29° Torino Film Festival

Il collezionista

388 Arletta Avenue

Prodotto da Vincenzo Natali, regista de Il Cubo e del contorto Cypher, 388 Arletta Avenue fa capolino in Europa tramite la presentazione alla 29a edizione del Torino Film Festival.

Girato interamente con macchina a mano e con microcamere per lo spionaggio, questo film assicura tensione e suspense crescente allo spettatore. Le innumerevoli microcamere piazzate da un misterioso uomo che sorveglia giorno e notte una coppia di giovani sposi rendono perfettamente il senso d’impotenza nel vedere ciò che accade dentro e fuori la casa delle vicende.

Contemporaneamente al nostro punto di vista che coincide con quello del carnefice, siamo costretti a seguire paure e disperazione del marito, colui che deve cercare di cavarsi dall’impaccio e di risolvere la situazione. È quanto mai insolito essere obbligati a seguire un personaggio, entrare in empatia con lui, ma utilizzare l’occhio crudo del suo oppositore.

I movimenti di macchina sono ovviamente ridotti al minimo ma di estrema efficacia, così come la messa a fuoco sempre un po’ imprecisa a causa dell’attrezzatura utilizzata. Fantastico il lavoro che è stato fatto a livello fotografico per creare spazianti prospettive all’interno degli angusti spazi casalinghi.

Oltretutto tramite questa forzatura della macchina da presa si va ad attivare continuamente il fuori campo di scena che oltre a dare l’impressione di allargare gli spazi rappresentati, genera una tensione determinata dall’incertezza rispetto a ciò che sta accadendo fuori dall’inquadrato, che stimola attivamente lo spettatore rendendolo partecipe inerme ai fatti.

È comunque il dubbio su chi possa essere il sorvegliante e sul perché lo faccia a sostenere l’attenzione dello spettatore che, come il protagonista, non può darsi pace e deve contribuire a trovare indizi per ritrovare la moglie rapita.

La storia è infatti questa, non troppo innovativa ma avvincente: la già citata coppia viene presa di mira da un individuo che provvederà a fare degli “scherzetti” ai due ignari coniugi, al fine d’incrinare il loro rapporto, fino al momento in cui decide di rapire la donna.

388 Arletta Avenue è un thriller dinamico, arguto e inaspettatamente pungente. Non si può proprio chiedere di più.

8

Danilo Cardone

Advertisements
5 commenti leave one →
  1. 30 novembre 2011 12:36

    Bene bene, questo ce l’ho in programma domani pomeriggio.
    Hai saputo che arriva anche “Twixt” di Coppola? 😉

    • 30 novembre 2011 14:50

      Certo, certo! 🙂
      Andrò alla proiezione stampa di venerdì!

      ..a proposito, ma… visto che vedi così tanti film al festival.. hai anche tu l’accredito? Andrai a vedere Twixt?

      • 30 novembre 2011 17:16

        Nessun accredito purtroppo… Ho un banale abbonamento da comune mortale e dovrò tentare di recuperare il biglietta per coppola venerdì pomeriggio… Ma la vedo dura!
        Sono appena uscita da “the raid’… Non male…

  2. 2 dicembre 2011 01:07

    questo me lo sono perso, ma era nella mia top-list. Anche se l’espediente delle videocamere circuito chiuso non è nulla di nuovissimo ( e lui lo spaccia per tale) sembra interessante. Ah, ho visto “the raid” (strepitoso), “A little Closer” (caruccio ma roba un po’ già vista), “Jess+Moss” (spiazzante), Ghosted (molto intenso ma irrisolto) e “Moneyball” (impeccabile).

    • 2 dicembre 2011 02:37

      Ottimo, hai visto tutti quelli che io non ho visto! eheh
      Jess+Moss mi incuriosiva.. vediamo se riesco a recuperarlo dopo il festival.

      Si, le telecamere di sorveglianza non sono una novità, però è molto ben strutturato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: