Skip to content

Mientras Duermes – Jaume Balagueró [2011]

28 novembre 2011

.29° Torino Film Festival

Sogni d’oro

Mientras Duermes [Sleep Tight]

César, un portiere di un condominio di Barcellona controlla il fluire dei residenti dello stabile, soddisfacendo ogni loro richiesta. César, però, è un uomo profondamente infelice, e quando nota la giovane e bella Clara inquilina del terzo piano non può trattenersi dal molestarla, in maniera molto particolare, nella notte, quando tutti, anche l’inconsapevole Clara, dormono…

Presentato al 29° Torino Film Festival, Mientras Duermas [Bedtime per la distribuzione internazionale] segna il ritorno cinematografico di Jaume Balaguerò, già regista di Rec nel 2007. Malgrado ci si trovi nell’ambito di un festival, Mientras Duermes è sicuramente uno dei film più adatti alla grande distribuzione nelle sale cinematografiche italiane e non solo.

Ponendosi come un thriller-horror dalla trama marcatamente filo-hollywoodiana, non è difficile per lo spettatore entrare in sintonia con una narrazione che non deluderà le facili aspettative che vanno via via formandosi, man mano che la pellicola scorre.

Ciò che stupisce è la pacata intelligenza registica che senza eccedere in virtuosismi tecnici ma evidenziandosi sempre e comunque, riesce a creare una tensione crescente che gode di vari culmini in alcune scene clou.

Lo spettatore è costretto dalla narrazione a seguire l’immorale agire di César, eppure non può prenderne le sue parti. È lui il cattivo della situazione, ma è lui con il quale ci dovremmo immedesimare. È spiazzante. Come è spiazzante rimanere con il fiato sospeso quando rischia di essere scoperto a fare ciò che si ostina a fare all’insaputa dei più. Suda freddo lui sulla scena, sbarriamo gli occhi noi sulla poltrona.

Mientras Duermes [Sleep Tight]

Il freddo ma cordiale César interpretato da un ottimo Luis Tosar è molto ben caratterizzato e sa delinearsi senza troppe difficoltà, anche grazie a un ritmo perfetto per un thriller di questa caratura, come uno dei personaggi più bastardi maniaci e solitari della storia del cinema. E’ un personaggio viscido, subdolo, che agisce nei sotterranei delle vite altrui, e che sa bene indossare la maschera della fiducia quando risale in superfice. È un personaggio estremamente pericoloso.

Bravissimo è dunque Balaguerò nel porre la macchina da presa sempre nei luoghi giusti all’interno degli spazi, e che sa muoverla e rotearla con intelligenza quando la situazione lo richiede.

In realtà questo riuscito dark thriller psicologico non si conclude in un’esperienza cinematografica di superfice, affondando le basi nell’insoddisfazione maniaco-depressiva del protagonista.

Per cosa vale la pena vivere? È la domanda che si pone César.

Per soddisfare sé stessi, sembra essere la risposta. Ma allora, come soddisfare sé stessi?

È questa la vera chiave di volta dell’intera opera, alla quale Balaguerò non sa dare una risposta, se non tramite l’impossibilità di estirpare il crudele egoismo dalla natura umana. L’infame César non è rifiuto della società, ma prodotto della società, quindi rifiuto. È la sua impossibilità di avere che lo porta ad agire come agisce. Certo, lui è un pazzo scatenato, ma senza arrivare all’estremizzazione da serial molester è l’insoddisfazione della condizione umana a risaltare. È quasi un monito a diffidare dalla frenetica vita cittadina, che esclude i rapporti umani, ci fa porre l’attenzione su dettagli insignificanti e così facendo genera mostri che devono cibarsi della nostra stessa serenità per poter sopravvivere.

Ogni uomo desidera essere felice? Si, ma non tutti gli uomini desiderano che il nostro prossimo lo sia. Anzi, talvolta osservare che la felicità ci sfiori per adagiarsi liberamente su una persona che vediamo tutti i giorni può generare un invidia tale da non essere più gestibile con la sola ragione.

E così, ecco che il gatto si diverte a giocare un po’ con il topo, anche se il topo non sa di essere in gioco.

Mientras Duermes [Sleep Tight]

Mientras Duermes è un thriller irto di suspense e diretto con cognizione di causa. Insomma, un bel film che potrà piacere a molti.

7,5

Danilo Cardone

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: