Skip to content

Religiolus – Larry Charles [2008]

23 agosto 2011

Satiromentario

Religiolus

Bill Maher, famoso comico, presentatore e opinionista statunitense decide di sferrare attacchi diretti contro ciò che sta alle fondamenta delle religioni nel mondo. E così fa.

Il documentario diretto da Larry Charles non è un documentario nel senso stretto della parola. Se infatti il lungometraggio è tutto basato su interviste e brevi scambi tra i personaggi che si trovano di fronte alla macchina da presa, ciò non significa che gli argomenti siano trattati né in maniera equa, né a solo scopo divulgativo. Dietro la patina superficiale del buon Maher che va in giro a fare “semplici” domande, si cela infatti la classica finzione televisiva alla quale Maher stesso è abituato.

Molti sono i tagli effettuati in fase di montaggio nelle sequenze “scomode” per il mattatore della scena, così come gli attacchi decisi e diretti sferrati da Maher sono aggressivi nella sostanza non lasciando spazio a repliche.

Per avere maggiore credibilità sarebbe bastato lasciare qualche confronto in più fra il comico e i suoi malcapitati intervistati. E invece no, perché come già il titolo annuncia non ci troviamo di fronte a un documentario classico bensì di fronte a un’opera di derisione e denigrazione di ciò che Moher non va a genio. Religulus e una crasi, una fusione, tra la parola “religione” e la parola “ridicolo” [ridicolus, in inglese].

Ciò che interessa a produttore, regista e conduttore è di mettere sotto gli occhi della massa le falle di un sistema di [non] pensiero basato sul dogma, su leggi imposte, indimostrabili e malgrado ciò indiscutibili.

A fronte di ciò le pecche registiche e i modi un po’ burberi e moralmente non troppo corretti passano in secondo piano.

Personalmente non credo, come invece vorrebbe Moher, che la visione di questo film cambi la vita a qualche persona instillando chissà quale amletico dubbio. In ogni caso credo sia un positivo punto a favore della libertà di espressione. E’ davvero difficile vedere altrove i dettami della Chiesa [cattolica, musulmana, o qualsiasi altra] messa così con le spalle al muro come in questo caso.

Il finto sapientone Moher pecca in molti punti, ne elude altri, ma quelli che va a sfiorare sono sufficienti per creare un’opera che criticando, diverte, permettendo così a quel messaggio anti-fanatismo di passare attraverso centinaia di occhi e orecchie in più rispetto a un semplice noioso documentario.

In altre parole, con Religiolus ci troviamo di fronte a un’opera ibrida, a metà tra puro intrattenimento in stile americano e un’opera di divulgazione superficiale pure questa in classico stile americano. Ma il risultato permette di evidenziare palesi difetti in un sistema di pensiero diffuso in ogni latitudine, e che è proprio di quella dominate parte della religione che alla trascesa preferisce il potere terreno, la manipolazione del prossimo tramite una diffusione controllata della paura.

Religiolus

Guardando questo film ci sarà chi riderà e chi si sentirà offeso. Poco importa. Succede così con ogni altro film/libro/canzone/dipinto/scultura/etc… Il fatto che si stia parlando di religione, non dovrebbe per questo trasformare un serio argomento di dibattito e condivisione in un tabù.

7

Danilo Cardone

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: